coming soon
  HOME
 

King Leo Multimedia

La King Leo Multimedia nasce nel gennaio 2000.
Renato Ambrosio dopo una esperienza trentennale al Centro Studi e Laboratori di Telecomunicazioni (CSELT, attuale Telecom Italia Lab), dove ha svolto attività di ricerca nel campo delle telecomunicazioni, principalmente studiando e progettando sistemi trasmissivi innovativi, lascia questa attività il 31 dicembre 1999. Alcuni gruppi industriali ed enti pubblici, attivi nel settore chiedono di continuare a ricevere supporto tecnico. Dopo qualche ripensamento, decide di dare vita a questa società. Con l’apporto di altre persone a fine Gennaio 2000 nasce la “King Leo Multimedia”.
La denominazione della società è quasi casuale. Alla ricerca di un nome, si stavano studiando alcuni acronimi significativi, facili da ricordare. Poi l’ispirazione: Renato Ambrosio è (purtroppo) ormai il capostipite della famiglia, mentre l’ultimo nato in famiglia ha nome Leonardo, così dall’unione dei due nomi, che nel momento di fondazione della società, raggruppano tutta la famiglia, Renato e LEOnardo. Poiché Re Leo non piace, si pensa a tradurre in inglese Re, ed ecco la King Leo. Multimedia è un nome di moda, lo usano in molti, ma per questa società è sicuramente azzeccato, in quanto l’attività spazia dalle telecomunicazioni tradizionali, quali la telefonia, la trasmissione dati, fino alla televisione analogica e digitale.


Un po’ di storia  
Il fondatore Renato comincia a lavorare ufficialmente a quattordici anni (1960) al termine della scuola dell’obbligo, in un laboratorio di riparazioni Radio TV. Tale attività, continua in vari laboratori, fino al 1968. Contemporaneamente seguita a studiare di sera, prima in un istituto professionale, poi all’istituto tecnico, dove nel 1967 si diploma in telecomunicazioni. Svolge il servizio militare. Poi dopo un breve periodo in un laboratorio misure di una azienda che produce connettori, inizia la sua attività in CSELT nel settembre 1969. In CSELT si occupa di progettazione sopratutto hardware, seguendo un’ampia serie di tecnologie, dalla componentistica sparsa, alle logiche programmabili, gate array, standard cell. La progettazione riguarda essenzialmente sistemi di telecomunicazioni: ISDN, SDH, DWDM, PON, XDSL. Sono iscritti a suo nome alcuni brevetti relativi ai PLL digitali. Poi quando il gruppo Telecom Italia decide di iniziare la cablatura di 19 città italiane, fornisce il suo apporto, alla stesura delle specifiche, all’esercizio della rete. Segue anche gruppi di lavoro per la stesura di specifiche internazionali nell’ambito DVB. Collabora con alcuni produttori di strumenti, quali Tektonix, HP, Wavetec, R&S, per la definizione delle specifiche di alcune misure sui sistemi che utilizzano la modulazione QAM. Partecipa a gruppi di normativa italiani nell’ambito CEI. É ancora al momento il riferimento tecnico della King Leo Multimedia.